Cavolo cappuccio viola … piccole gioie

Cromoterapia?

Direi che sì, il colore di ciò che mangi può influire sull’umore.

Perchè preparare, guardare e mangiare colore, ravviva la vita e la giornata.

Questa sera tutto a base di Cavolo cappuccio viola:

Vellutata di cavolo viola e patate viola

Cavolo viola al vino rosso.

Due ricette semplicissime ma buonissime!

 

La Vellutata l’ho preparata nel Bimby, prendendo spunto da questo sito ma si può benissimo preparare anche in modo tradizionale in un bel tegame.

Ingredienti: mezzo cavolo cappuccio viola, due patate di media grandezza, una cipolla, 400 ml di acqua, mezzo dado vegetale, olio extravergine di oliva.

Si fa imbiondire una cipolla in un po’ d’olio, si aggiunge poi il cavolo lavato e tagliato a pezzi ed anche la patata (io ho usato anche le patate viola ma van benissimo quelle normali), l’acqua ed il dado. Si fa sobbollire per mezz’ora alla fine della quale si frulla tutto con un mixer ad immersione. Servire con un filo d’olio e sesamo tostato (che purtroppo avevo finito stasera). Più semplice di così! Ma è una meraviglia!

VERSIONE BIMBY: inserire la cipolla con l’olio: 3′ a 100° vel.3. Unire cavolo e patata a pezzi, acqua e dado: 25′ a 100° vel.1. Al termine frullare il tutto per 20” a vel.6.

Per lo stufato di cavolo invece gli ingredienti sono i seguenti : mezzo cavolo cappuccio viola, una cipolla, 100 grammi di pancetta (io l’ho usata affumicata), un bicchiere di vino rosso, un cucchiaino di zucchero, olio, sale e pepe.

Tagliare sottile la cipolla  e farla appassire con un filo d’olio, aggiungere la pancetta e far rosolare.

Aggiungere il cavolo, il vino, lo zucchero, il sale e il pepe e far cuocere a fuoco lento per 40 minuti.

Fine. Questo è davvero spettacolare. Una ricetta più semplice dell’altra ma tanto buone!

E poi? Non è meravigliosa anche l’acqua azzurra lasciata dal lavaggio del cavolo? 

A me mette allegria cucinare colorato!

Buon appetito!

Tutta la verdura è acquistata dalla Fattoria Rivalta: fattoria didattica bio dell’ Amico, Marco Rivalta, che ha proprio una grande Passione per il suo lavoro che svolge mettendoci l’Anima. La sua fattoria è un po’ in periferia, ma ormai ho preso l’abitudine di andarci una volta a settimana perchè ne vale davvero la pena. E’ un altro mangiare, non c’è paragone sul sapore e la bontà dei prodotti del territorio acquistati direttamente dal produttore!

Lascia un commento